In che modo ridurre il rischio di SIDS.

Care mamme,
avete già sentito parlare di SIDS? Dall’inglese “Sudden Infant Death Syndrome” o meglio conosciuta come morte in culla o della morte improvvisa del lattante. Si tratta della morte improvvisa ed inspiegabile di un neonato al di sotto dell’anno di età e rappresenta una delle cause principali di morte nel primo anno di vita.

Avrete sicuramente sentito molte tragiche storie di neonati che hanno improvvisamente smesso di respirare durante il sonno. Probabilmente nei primi giorni e nei successivi mesi dopo la nascita di vostro figlio, questo terribile pensiero vi tormenta al punto tale da andare a controllare ogni dieci minuti il vostro bambino mentre dorme.

Mamma, cosa puoi fare per prevenire una tragedia simile? Purtroppo non si sa ancora con certezza la causa della “morte improvvisa”, ma degli studi hanno rilevato che ci sono alcuni accorgimenti che si possono prendere in considerazione per abbassare il rischio della SIDS.

  • fai dormire il tuo bambino sempre sulla schiena
  • utilizza un materasso rigido (quelli venduti con le culle solitamente vanno bene)
  • non usare coperte, ma prediligi il sacco nanna
  • non lasciare nella culla peluche o oggetti morbidi
  • la temperatura della stanza dovrebbe essere tra i 18-20 gradi

Solitamente la morte in culla è più frequente tra il secondo e il quarto mese di vita, per cui è bene cercare di abbassare questo rischio. Il mio consiglio è quello di:

  • non fumare mai in presenza del bambino
  • se fumi dovresti uscire all’aria aperta e al rientro lavarti bene le mani ed eventualmente cambiarti la maglia, prima di interagire con il bambino
  • favorisci la presa del ciuccio, visto che il movimento di suzione aiuta a prevenire la SIDS
  • fai dormire il bambino nella tua stessa stanza per almeno i primi 6 mesi, prediligendo la culla next to me. In primis per te sarà sicuramente più comodo e semplice occuparti del tuo bambino, secondariamente il tuo piccolo sentirà il respiro di mamma e papà e si ricorderà di dover respirare. Questo perchè può succedere che i bambini smettano improvvisamente di farlo. Per questo la fase del sonno dei bambini dura meno. Non entrano nella fase del sonno profondo, da cui fanno più fatica ad uscirne. In questo modo, sentendo i genitori vicini, il piccolo autoregola la respirazione ed il battito cardiaco
  • non coprire troppo il tuo bambino, rischierebbe di surriscaldarsi, per questo motivo non usare mai coperte o piumini, ma prediligi il sacco nanna
  • Se usi il sacco nanna attenzione alla stagione e regolati nel vestire il bambino. Solitamente nelle etichette dei sacchi nanna c’è il consiglio di quanto vestire o meno il tuo bambino in base alla temperatura della stanza

Lascia un commento