Problemi del sonno?

Care mamme,
vi è mai capitato di far fatica ad addormentare il vostro bambino e di conseguenza perdere anche voi molte ore di sonno?

Con l’andare del tempo è possibile che vostro figlio sviluppi dei disturbi del sonno, anche se da li a poco andava tutto bene. Alcune delle possibili complicazioni possono essere dei problemi fisici, come ad esempio il reflusso, mentre altre volte, o meglio dire, per la maggior parte delle volte, la ragione del pianto del bambino è puramente emotiva.

Cosa fare in questi casi?

Mamma, se ti accorgi che qualcosa non va, perché il tuo bambino non dorme più bene, e per escludere problemi o disturbi fisici, contatta il pediatra. Sicuramente lui ti saprà dare tanti consigli. Se invece la causa del pianto del tuo bambino è emotiva, non puoi far altro che fargli sentire la tua vicinanza, soprattutto di notte, quando l’angoscia da separazione aumenta notevolmente. Fai sapere a tuo figlio che è al sicuro, facendolo sentire amato. Se piange:

  • rassicuralo parlando e se non dovesse funzionare, prendilo in braccio e parlagli, cullandolo
  • proponigli il ciuccio. I bambini piccoli non sono ancora in grado di mettersi il ciuccio da soli, per cui abbi pazienza di svegliarti anche la notte per offrire al bambino il ciuccio che ha perso. Sappi che questa fase passerà presto, poi sarà lui a cercare il ciuccio nella culla e a rimetterselo in bocca
  • se tuo figlio ha pochi mesi probabilmente la notte si sveglierà perché ha fame. Sappi che anche questa fase passerà presto.

Avere un figlio è sicuramente esaltante, ma si sa che questo esserino cambierà molte cose. Se il tuo bambino dorme male, di conseguenza dormirai male anche tu. Probabilmente te lo avranno già detto in molti, ma quando dorme tuo figlio dovresti riposare anche tu, invece di pulire casa o lavare i panni. Questo periodo della tua vita è unico e prezioso, ma tieni a mente che nessun bambino avrà bisogno di attenzioni costanti. Goditi ogni momento, perché in men che non si dica, tuo figlio sarà già un adolescente e non si farà coccolare più come prima.

Ricorda che il sonno è un bisogno primario per cui è estremamente importante riposare. Questo vale sia per te che per il tuo bambino.

Lascia un commento

Questo articolo ha 2 commenti

  1. Nonna Carla

    Complimenti, Gessica, affronti molto bene i “problemi” legati alla nascita e crescita di un figlio: li sai focalizzare e spiegare, grazie alla tua esperienza personale ed alla tua meticolosa preparazione, basata su esperienze raccolte e analizzate e documentate.

    1. GessicaAccardi

      Cara nonna Carla,
      ti ringrazio per ciò che hai scritto, cerco di fare la mia parte raccontando non solo le mie esperienze personali, ma anche ciò che ho imparato attraverso la conoscenza e la competenza professionale e lavorativa. È un modo per stare vicino alle tante mamme che sono in cerca di rassicurazioni o semplicemente di condivisioni di emozioni o di racconti.