Come fare per calmare il bambino quando piange

Care mamme,
sicuramente quando vostro figlio piange vorreste fare qualcosa per tranquillizzarlo. Vero?

Mamma, se tuo figlio piange perchè ha fame, l’unica soluzione è quella di assecondare la sua richiesta dandogli da mangiare, ma se dovesse lamentarsi per altri motivi ci sono diversi metodi per rasserenarlo. Vediamoli insieme qui di seguito:

  • molti neonati trovano rassicurante il contatto pelle a pelle, per cui puoi svestire tuo figlio e togliere anche tu la maglia, dopodichè poggia il tuo bambino sul tuo petto nudo, in questo modo il tuo calore corporeo insieme al tuo battito cardiaco e al tuo respiro lo aiuta a tranquillizzarsi e sentirsi al sicuro tra le tue braccia
  • potresti metterlo in una fascia o in un marsupio e camminare per casa, in questo modo tuo figlio sentirà costantemente il tuo contatto fisico
  • camminare per casa cullandolo o parlandogli dolcemente
  • accarezzarlo sulla testa
  • in caso di coliche si può massaggiare il pancino, in questo modo lo aiuterai ad eliminare i gas intestinali
  • adagiarlo in una sdraietta e dondolarlo
  • portarlo in un posto più buio così da ridurre gli stimoli
  • uscire a fare una passeggiata
  • proporgli il ciuccio
  • fargli ascoltare della musica

Un metodo che funziona molto bene con il mio bambino è quello di proporgli il ciuccio, mettergli un telo in mussola sulla testa, che va a coprirgli gli occhi e dondolarlo. In questo modo vado ad eliminare tutti gli stimoli presenti in quel momento. Il bambino non sentendosi più iperstimolato riesce a tranquillizzarsi rapidamente.

Mamma, ti ho elencato solo alcuni dei metodi per poter tranquillizzare il tuo bambino durante una crisi di pianto, ma tieni presente che ci sarebbero tanti altri modi.

Care mamme, ricordate che ogni bambino è diverso l’uno dall’altro, per cui dovrete trovare il metodo che funziona per il vostro piccolo. Inoltre non è detto che funzioni sempre, anzi a volte i bambini piangono e basta, per cui se i vostri tentativi non dovessero funzionare non fatevene una colpa.

Lascia un commento