L’importanza dell’oggetto transizionale

Care mamme,
in quest’articolo parleremo dell’oggetto transizionale.
Cos’è per i bambini l’oggetto transizionale? È un oggetto preferito a cui il bambino si affeziona. I momenti lontani dal genitore possono creare angoscia, per cui quest’oggetto ha lo scopo di rassicurarlo. In questo modo la separazione della mamma può essere vissuta in modo più tollerabile.

Per cui si tratta di un oggetto preferito e insostituibile che il bambino sceglie in modo autonomo, Può essere uno straccetto, una bambola, un pupazzo, questo non ha importanza, la cosa essenziale è che deve avere il profumo di casa o della persona di riferimento. L’oggetto transizionale ha il compito di sostenere il bambino ad attraversare una determinata fase dello sviluppo dell’IO ed anche della differenziazione dalla madre stessa.

Il bambino lo succhia, lo morde, lo bacia, lo coccola, in questo modo riversa su quest’oggetto le proprie frustrazioni e le proprie angosce. Esso riveste una tale importanza per il bambino che ne avrà bisogno durante i momenti più importanti nella fase del suo sviluppo, come nel momento della nanna, dove la notte genera angoscia da separazione; nei momenti da trascorrere al nido o all’asilo o con i nonni e gli zii; agli appuntamenti dal dottore e nei momenti da trascorrere fuori casa in posti nuovi, per diminuire l’ansia, rendendo il momento lontano dalla mamma più sopportabile.

Il bambino sceglierà il suo oggetto preferito in modo autonomo ed in base al proprio istinto. Pertanto mamma, il mio consiglio è quello di individuare un luogo dove riporre quest’oggetto, ma attenzione a posizionarlo in modo visibile al bambino e sempre alla sua portata. Questo permetterà al tuo piccolo di poterlo prendere in ogni momento nel caso in cui avesse bisogno di sentirsi rassicurato stringendolo! Quando il tuo bambino crescerà non cercare di toglierglielo, considerandolo come un gioco da piccoli, perchè questo particolare attaccamento può durare per 5 o 7 anni, periodo in cui il tuo bimbo inizierà a sentirsi emotivamente più sicuro. Da quel momento si allontanerà dall’oggetto in modo del tutto indipendente.

Lascia un commento